Rovigo

Sorpresi quattro pescatori che usavano reti vietate: sanzione complessiva da 4mila euro

Le verifiche hanno interessato il tratto di bacino idrico compreso tra il medio polesine e la foce del Po di Goro.

Sorpresi quattro pescatori che usavano reti vietate: sanzione complessiva da 4mila euro
Cronaca Rovigo, 16 Giugno 2021 ore 09:30

Nella notte tra il 9 e il 10 giugno 2021, nelle acque del fiume Po, gli uomini della Polizia Provinciale, in collaborazione con il personale di vigilanza ittica dell’associazione Fipsas di Rovigo, hanno sorpreso quattro pescatori che utilizzavano reti non consentite.

Sorpresi quattro pescatori

Le verifiche, condotte a seguito delle segnalazioni pervenute alla Centrale Operativa di Viale della Pace, hanno interessato il tratto di bacino idrico compreso tra il medio polesine e la foce del Po di Goro, impiegando personale della squadra nautica e pattuglie di appoggio a terra per le verifiche dei punti di attracco fluviale, anche con l’ausilio di automezzi “civetta”, cioè sprovvisti di distintivi identificativi.

Nel corso delle operazioni, nelle fasi di monitoraggio dei natanti in attività nel tratto di competenza veneta, sono state avvistate due imbarcazioni adibite alla pesca professionale, intente alla risalita del fiume con direzione Corbola. I quattro pescatori a bordo degli scafi erano così intercettati nei pressi dell'insenatura artificiale dell’isola del “Balotin” e al controllo, veniva constatata l’attività di pesca professionale, rilevata dalla presenza di celle frigorifere coibentate, contenitori per lo stoccaggio del pesce, ghiaccio, guadini, tute cerate, fari e altre dotazioni per la cattura della fauna ittica.

Sanzione da 4mila euro

A bordo di ogni natante sono state rinvenute reti del tipo tremaglio lunghe 150 e 200 metri, dotazioni vietate poiché la lunghezza massima consentita sul fiume Po, acque classificate zona "B", è di 50 metri, e immediatamente sequestrate.

A carico dei trasgressori, tutti pescatori di professione, sono stati redatti verbali di accertamento per una sanzione complessiva di 4.000 euro.