Attualità
Fondi

Sicurezza idraulica nel Polesine: numerosi interventi in programma, ecco quali

All’Ufficio AIPo di Rovigo è affidato il compito di garantire la sicurezza idraulica del Polesine / Delta.

Attualità 26 Maggio 2021 ore 09:59

L’Agenzia Interregionale per il fiume Po-AIPo – ente strumentale delle quattro Regioni attraversate dal Grande Fiume (Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto) ha ereditato nel 2003 le funzioni prima assegnate (1956) al disciolto Magistrato per il Po, organismo decentrato dello Stato.

Sicurezza idraulica nel Polesine

AIPo vede al suo vertice un Comitato di indirizzo in cui siedono gli Assessori rappresentanti delle quattro Regioni; per il Veneto ne è componente l’Assessore regionale all’ambiente, clima, dissesto e protezione civile Gianpaolo Bottacin.

All’Ufficio AIPo di Rovigo è affidato il compito di garantire la sicurezza idraulica del Polesine / Delta - un esteso territorio che sostanzialmente copre l’intera provincia di Rovigo - tramite la realizzazione, il rafforzamento e la manutenzione degli argini e delle altre opere idrauliche, la prevenzione, il monitoraggio e il servizio di piena.
L’importanza di tali attività e l’attenzione della Regione Veneto hanno inoltre portato a programmare l’apertura di una nuova sede AIPo ad Adria, che si affiancherà allo “storico” ufficio del capoluogo.

Interventi rilevanti degli  ultimi anni

Negli ultimi anni Aipo è stata impegnaa in diversi interventi tra cui:

  •  Costruzione di un diaframma in calcestruzzo armato a protezione dell’abitato di Villaregia in sinistra Po di Venezia in Comune di Porto Viro, per un importo complessivo 3 milioni di euro. Si tratta della realizzazione di un nuovo diaframma all’interno di in un tratto arginale al fine di contrastare i processi di filtrazione e di sifonamento (completato nel 2014).
  • Manutenzione delle difese spondali in froldo in sinistra Po in tratte saltuarie in Comune di Stienta (1,5 milioni), col ripristino della funzionalità idraulica dell’esistente pennello fluviale realizzato nel 2000 a protezione dell’argine e delle sponde in alveo, mediante opere di difesa in pietrame (completato nel 2018).
  • Completamento del diaframma plastico in sinistra fiume Po in Comune di Polesella, per un importo di 3,7 milioni. Si tratta del prolungamento verso valle del diaframma in • calcestruzzo armato esistente mediante la realizzazione di un diaframma plastico in località Santa Maura a contrasto dei processi di filtrazione e di sifonamento (completato nel 2016).
  • Messa in sicurezza delle arginature in sinistra Po in Comune di Ficarolo  – Prima fase (importo 1,2 milioni), con la realizzazione del primo tratto di un nuovo pennello fluviale posizionato in sinistra idraulica il quale, una volta completato nella sua interezza (2a fase), proteggerà dai processi erosivi l’argine posto in fronte l’abitato di Ficarolo (1° stralcio completato nel 2017).

Interventi più rilevanti in corso o da poco ultimati

  • Lavori urgenti per la costruzione di un diaframma plastico per il contrasto dei moti di filtrazione in prossimità dell’abitato di Cavanella Po fra gli stanti 521-523 in sinistra Po di Venezia in Comune di Adria per un importo complessivo di 2,1 milioni di euro. L’intervento è finalizzato a contrastare i processi di filtrazione e di sifonamento. Sono in fase di realizzazione: un diaframma plastico posizionato sull’arginatura in località Cavanella Po e un bancone in terra posizionato lato campagna in località Pioppe in Comune di Porto Viro. L’ultimazione dei lavori è prevista nel 2021.
  • Ripristino della funzionalità dei moli frangiflutti posti a difesa dell’argine della Sacca degli Scardovari in Comune di Porto Tolle, 1° Stralcio (importo 900.000 euro). Si tratta della ricarica mediante pietrame dei moli frangiflutti posti a protezione dell’argine a mare della Sacca degli Scardovari, interessato dalla mareggiata di ottobre 2018 durante l’evento “VAIA” . I lavori sono stati ultimati nel 2020.
  • Opere di difesa idraulica a protezione dell’arginatura sinistra del Po di Goro nel territorio comunale di Ariano nel Polesine tra gli stanti 189-192 (400.000 euro) tramite difese i in pietrame. I lavori sono stati ultimati nel 2021.
  • Intervento di manutenzione con ripristino della scarpata e della difesa spondale lato fiume in sinistra Po in Comune di Castelmassa (250.000 euro), con opere di difesa in pietrame (lavori ultimati nel 2021).

Altri lavori rilevanti

Altri lavori rilevanti sono quelli di durata triennale (2021-2023) finalizzati alla manutenzione (taglio e decespugliamento) della vegetazione presente sulle arginature e nella fascia di rispetto arginale nonché ad intervenire su criticità localizzate (ad esempio tane di animali nelle arginature) il cui importo complessivo, finanziato da AIPo, ammonta a 1.980.000 euro.
Tra gli interventi più rilevanti già finanziati e da realizzare si segnala la stabilizzazione della scarpata a fiume dell'argine in froldo in fronte l'abitato del Comune di Polesella (900.000 euro): è in fase di esecuzione l’analisi idraulica del tratto fluviale interessato, finalizzato a definire le modalità dell’intervento a cui seguirà l’avvio della fase di progettazione.

Inoltre sono in corso di esecuzione, nel 2021, studi idraulici, inerenti problematiche locali in alveo in Comune di Bergantino e nei Comuni di Adria e Corbola, oltre ad indagini geotecniche su tratte arginali finalizzate ad individuare la tipologia d’intervento più idonea per contrastare i processi di filtrazione e sifonamento rilevati a lato campagna durante le piene del fiume.

Interventi in programma

Costruzione di un diaframma plastico in sinistra del Po di Venezia a protezione dell'abitato di Mazzorno Sinistro in Comune di Adria (RO) (importo complessivo 5 milioni).

Completamento della messa in sicurezza delle arginature in sinistra Po in Comune di Ficarolo (RO), prima fase (importo complessivo 1,8 milioni). Il progetto prevede la realizzazione di un successivo tratto del pennello fluviale esistente, posizionato in sinistra idraulica, il quale una volta completato nella sua interezza (2a fase) proteggerà dai processi erosivi l’argine posto in fronte all’abitato di Ficarolo.