Delta del Po

Depositato il ricorso al Tar, Gasparini: “No alle trivelle nell’Adriatico”

Le trivelle provocano ingenti danni alla fauna e anche ai siti marini.

Depositato il ricorso al Tar, Gasparini: “No alle trivelle nell’Adriatico”
Attualità Adria e Delta del Po, 24 Maggio 2021 ore 09:59

Moreno Gasparini, presidente del Parco Regionale Veneto del Delta del Po ha detto “no” alle trivelle nell’Adriatico specificando di aver già depositato il ricorso al Tar.

Depositato il ricorso al Tar

Preservare l’ambiente e il Parco del Delta del Po. Moreno Gasparini, presidente del Parco Regionale Veneto del Delta del Po è contrario alle trivelle nell’Adriatico e sulla terra ferma utilizzate per la ricerca degli idrocarburi. Le trivelle provocano ingenti danni alla fauna e anche ai siti marini, per questo motivo il presidente del Parco del Delta del Po ha reso noto di aver già depositato il ricorso al Tar contro il via libera alle trivellazioni.

Preservare la biodiversità

Il Delta del Po è la più vasta zona umida d'Italia, riconosciuta nel 2015 da parte dell'Unesco Riserva di Biosfera del Programma MAB (Man and the Biosphere). Il suo scopo è quello di riuscire a migliorare il rapporto che esiste tra uomo e ambiente e riuscire a ridurre la perdita della biodiversità.

Gasparini ha ribadito come sia quindi contrario alle estrazioni che comporterebbero a forti danni al Parco del Delta del Po sia dal punto di vista ambientale ma anche la sicurezza e la biodiversità.