Eventi
Appuntamento

La Staffetta Tricolore, ideata da Alex Zanardi, farà tappa a Rovigo

Evento nazionale che coinvolge oltre 100 atleti paralimpici nel ciclismo, nel tiro con l'arco, nel triathlon e nell'atletica.

La Staffetta Tricolore, ideata da Alex Zanardi, farà tappa a Rovigo
Eventi Rovigo, 07 Luglio 2021 ore 09:43

La Staffetta Tricolore, dedicata all'inclusività dello sport, farà tappa a Rovigo.

La Staffetta Tricolore, ideata da Alex Zanardi, farà tappa a Rovigo

Sabato 10 luglio 2021 verso le 11.30, in piazza Vittorio Emanuele II ci sarà il passaggio di testimone, di questa edizione di un evento nazionale che coinvolge oltre 100 atleti paralimpici nel ciclismo, nel tiro con l'arco, nel triathlon e nell'atletica. L'iniziativa promossa da Obiettivo3, progetto fondato da Alex Zanardi, è stata presentata a a palazzo Nodari.

“E' una staffetta – ha detto l'assessore allo Sport Erika Alberghini -, dedicata all'inclusività dello sport, alla quale partecipano gli atleti paralimpici. Lo sport aiuta a superare le difficoltà della vita e questa manifestazione è importante per diffondere questo messaggio”.

LEGGI ANCHE: Alex Zanardi comunica ma non riesce a parlare, la moglie: "Sta combattendo come sempre"

Sensibilizzare al tema della disabilità nello sport

Promuovere i valori dello sport paralimpico è uno degli obiettivi dell'evento, che vuole sensibilizzare al tema della disabilità nello sport e dell'accessibilità dei luoghi in cui praticarlo, come ha evidenziato Pierluigi Bonafin, affiancato da Monica Dal Bianco di Obiettivo3.

La staffetta è anche un'occasione per vivere il territorio e per generare emozioni legate alla bellezza dei paesaggi che si attraversano. La partenza è dalla Valle D'Aosta, passando per le pianure lombarde e venete per raggiungere poi Bologna fino alla costa Adriatica, verso l'apennino tosco-emiliano, lungo le coste laziali con una tappa evento a Roma, proseguendo per l'Abruzzo, le coste calabresi e pugliesi, fino all'arrivo in Sicilia.

Soddisfazione anche da Lucio Taschin, delegato Coni provinciale che ha affermato:

La percentuale di persone che partecipano a queste iniziative, sono poche rispetto al potenziale. E' pertanto importante promuovere il messaggio di fare un passo avanti perché questa è la vera sfida: mettersi in gioco, fare sport e socializzare”.