Cultura
Appuntamenti

Presentata la stagione del Teatro Sociale di Rovigo: ricco il cartellone con prime assolute

Leo Nucci sarà la star della Stagione: arriverà in città infatti uno dei più grandi baritoni a livello mondiale, cittadino Parmigiano d’onore e Verdi d’Oro Bussetano.

Presentata la stagione del Teatro Sociale di Rovigo: ricco il cartellone con prime assolute
Cultura Rovigo, 08 Ottobre 2021 ore 12:21

Una trentina di spettacoli, per sei mesi di attività.

Presentata la stagione del Teatro Sociale di Rovigo

Il Teatro Sociale di Rovigo riapre le porte con una stagione ambiziosa e un ricco cartellone dove i grandi nomi e le prime assolute sono il punto di forza della programmazione firmata dal direttore artistico Luigi Puxeddu. Ad inaugurare l'attesa stagione sarà venerdì 12 novembre alle 20.30, La Traviata di Giuseppe Verdi. La nuova stagione è stata presentata questa mattina al Ridotto del Teatro Sociale.

“L'amministrazione – ha detto il sindaco Edaordo Gaffeo -, crede nella valenza assoluta della proposta culturale della nostra città, di cui il Teatro Sociale è il cardine.
Grazie a chi ha reso possibile tutto questo, senza perdersi d'animo, anzi mettendoci energia ed entusiasmo, e a tutti gli spettatori che finalmente, condivideranno dal vivo momenti di gioia e di grandi emozioni”.

“Stiamo procedendo come da promessa – ha evidenziato l'assessore alla Cultura Roberto Tovo -. Dopo la stagione estiva, finalmente riapriamo il nostro teatro, un risultato che è frutto della volontà di realizzare la stagione ma anche di mantenere la qualità e la tradizione, che qualificano la nostra città. Ringrazio il direttore, artistico, il settore cultura, i partner e gli sponsor che hanno permesso tutto questo”.

Nel merito del cartellone è entrato il direttore artistico Luigi Puxeddu.

“La grande tradizione di questo teatro, che metterà in scena le ever green Traviata e Don Pasquale, si sposa con quello che negli anni è stato uno dei fiori all'occhiello del Sociale: la creazione di nuove opere, segno di una visione di ampio respiro che consegna anche al futuro composizioni liriche del nostro presente. Pinocchio, storia di un burattino del M° Tarabella, e Flatlandia, produzione in collaborazione con il Conservatorio Statale di Musica Francesco Venezze di Rovigo, lavori entrambi in Prima Assoluta, sono sicuramente uno dei punti chiave di questa programmazione che sviluppa un pensiero importante anche rivolto ai giovani musicisti, protagonisti, assieme ai Maestri, delle emozioni del palcoscenico. Un percorso di crescita importante, che il Sociale ha sempre sostenuto con i suoi progetti. Flatlandia, tratta dal testo di Abbot del 1884, ci accompagnerà in un viaggio immaginario attraverso mondi diversi da quello tridimensionale dell’esperienza comune a tutti noi. Un viaggio fantastico a più dimensioni. Tanta attesa per la Traviata Special Edition firmata da Ivan Stefanutti, anche questa una nuova produzione tutta made in Rovigo, dove Alfredo Germont sarà interpretato dal tenore di fama internazionale Gianluca Terranova, già Caruso nell’omonima serie Rai diretta da Stefano Reali con nel cast Vanessa Incontrada e Martina Stella".

Ha poi aggiunto:

"Leo Nucci sarà la star della Stagione: arriverà in città infatti uno dei più grandi baritoni a livello mondiale, cittadino Parmigiano d’onore e Verdi d’Oro Bussetano. Un grande uomo e uno straordinario artista. E poi i Solisti Veneti con i Pueri Cantores del Veneto a Natale, la Banda Osiris per un Capodanno veramente scoppiettante, il grande trombettista Flavio Boltro per il tradizionale appuntamento con il jazz. E ancora una Stagione di grande prosa".

E su questo si è espresso il direttore di Arteven Pier Luca Donin.

“Riaprire – ha detto Donin -, è una grande emozione che ci dà forza ed energia. Rovigo per noi è sempre un importante teatro. Abbiamo scelto spettacoli di prosa e danza, per noi, di serie A nel panorama nazionale, pensando ai grandi interpreti, tra cui spiccano i nomi del firmamento nazionale: Umberto Orsini e Franco Branciaroli, Marco Paolini, Amanda Sandrelli, Ettore Bassi e Mariangela D'Abbraccio”.

Non mancherà il jazz, con uno spettacolo ma di grande rilievo che, come ha sottolineato il vice presidente di Rovigo Jazz Club, Nicola Ricci, quest'anno, per il decennale di attività, si terrà non più al Ridotto ma nel Teatro. “Per noi è motivo di ulteriore gioia, spero che la musica sia sempre più al centro dell'attenzione e seguita, in particolare i giovani artisti”.

Orgoglio e soddisfazione, sono stati espressi dal direttore del conservatorio “F. Venezze”, Vincenzo Soravia, per questa proficua collaborazione con il teatro. Soddisfazione anche dai sostenitori: per la Fondazione Cariparo, presente il vice presidente Giuseppe Toffoli, per la Fondazione Banca del Monte il presidente Giorgio Lazzarini e per Asm set la presidente Manuela Nissotti.

Alla conferenza hanno partecipato anche il regista di Traviata Ivan Stefanutti e il direttore d'orchestra Francesco Rosa.
La foto della campagna pubblicitaria della nuova stagione, come ha spiegato Milena Dolcetto, è di Giovanni Hänninen, nato a Helsinki nel 1976. Vive e lavora a Milano, dove ha conseguito un dottorato di ricerca in Ingegneria aerospaziale e insegna Fotografia per l’architettura presso la Scuola di Architettura e Società del Politecnico di Milano.

Tra i suoi grandi lavori, nel 2019 sviluppa due importarti progetti museali: una campagna fotografica per la valorizzazione del Complesso Museale della Pilotta in vista di Parma capitale della cultura 2020; il progetto fotografico della mostra curata da Pierluigi Pizzi Nei Palchi della Scala – Storie milanesi per il Museo Teatrale alla Scala.
Infine, nota tecnica importante, quest'anno non saranno disponibili gli abbonamenti, ma biglietteria singola con molte opzioni di sconto.