Allarme sanitario

Allarme tubercolosi a Rovigo: controlli su 100 bambini

“Se sarà necessario scatterà la profilassi”, spiega il dg dell’Ulss 5 Antonio Compostella

Allarme tubercolosi a Rovigo: controlli su 100 bambini
Rovigo, 23 Gennaio 2020 ore 10:50

Allarme tubercolosi a Rovigo: controlli su 100 bambini

Il bambino di 5 anni ricoverato perché colpito dalla tubercolosi è ancora ricoverato in Pediatria e sta rispondendo bene alla terapia antibiotica ma è allarme in città per i timori di un contagio.

Da oggi, 22 gennaio, i bambini venuti a contatto con il caso di Tbc a Rovigo saranno chiamata ai controlli preventivi per capire se hanno contratto anche loro la malattia. Si è già tenuto un incontro con i genitori nella scuola, con i sanitari dell’Ulss 5 e dal 23 gennaio si procederà con il test di Mantoux e con le radiografie al torace per circa un centinaio circa di bambini.

L’invito alla calma del direttore generale dell’Ulss 5

Il direttore generale Antonio Compostella invita alla calma: “Il bambino non aveva sintomi. Abbiamo intercettato la malattia in ragione dei controlli che abbiamo iniziato a fare in quanto un suo parente si è ammalato di Tbc. Il fatto che non avesse sintomi significa che la carica batterica è bassa, si tratta di una forma tubercolare modestamente invasiva, il rischio di contagiare altri bimbi è bassa. In ogni caso ho dato indicazioni al dipartimento di Igiene e Sanità di attivare tutte le precauzioni possibili per fugare qualsiasi dubbio”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità