Dati aggiornati

Covid, Zaia: "Morto stanotte a Rovigo un 54enne, altri tre pazienti in terapia intensiva. Tutti non vaccinati"

I numeri e le tabelle con le sospette reazioni avverse al vaccino. La dottoressa Russo: "Correlazioni al momento solo temporali".

Politica Rovigo, 25 Agosto 2021 ore 16:37

Punto stampa da Marghera con il presidente Zaia, la dottoressa Russo e il dottor Sarto, medico dello Sport.

Bollettino aggiornato

+847 positivi nelle ultime 24 ore (incidenza 2,02), ricoverati totali 262 (-11), di cui 212 (-6) in area non critica e 50 (-5) in terapia intensiva, decessi +5.

Quasi 20mila dosi fatte di vaccini nelle ultime 24 0re con un incremento nelle prenotazioni.

Riguardo al numero di decessi odierno e all'uscita dalle terapie intensive, Zaia ha inoltre comunicato che nella scorsa notte a Rovigo è morto un 54enne che non aveva patologie pregresse e non aveva fatto il vaccino.

"Inoltre sempre a Rovigo abbiamo in terapia intensiva una 32enne, una 57enne e un 71enne, tutti non vaccinati".

I DATI AGGIORNATI SU CONTAGI E VACCINI

5 foto Sfoglia la gallery

Vaccino, i numeri delle reazioni avverse

Dopo alcune riflessioni generiche del Governatore, ha preso la parola la dottoressa Russo che ha trattato il tema delle reazioni avverse a vaccini e farmaci:

"Il nostro sistema di farmaco-sorveglianza, affiancato dal 'canale verde', è a Verona e raccoglie tutte le segnalazioni di reazioni avverse e di eventuali correlazioni temporali con il farmaco assunto. Nella nostra regione abbiamo avuto 15mila segnalazioni su 6 milioni di dosi somministrate, di cui 1.200 gravi. Oltre 1.900 tra i casi gravi sono stati di febbre alta, alcuni di trombosi (180). Pochi i casi di reazione allergica invece. Sui decessi infine, nessuna correlazione causale al momento in Veneto. Sempre nella nostra regione 38 i decessi segnalati con correlazione temporale rispetto al vaccino"

7 foto Sfoglia la gallery

Il 42% delle segnalazioni sono venute dai medici, il 7,7% dai farmacisti, il 18% circa dai cittadini, il 31% da altri operatori sanitari.

LEGGI ANCHE: La pallavolista Francesca Marcon ha la pericardite e dà la colpa al vaccino

Disturbi di cuore tra gli atleti, i dati

Ha preso infine la parola il dottor Patrizio Sarto, cardiologo ed esperto di medicina dello sport, chiamato a fare chiarezza sull'impatto di Covid e vaccini sui giovani atleti dopo il caso eclatante della pallavolista Francesca Marcon:

"Tre per un milione di dosi, 1,3%, il dato relativo a miocarditi tra gli atleti, 1 su 100mila alla prima dose e 1 su 16mila alla seconda il livello di rischio riscontrato".