Economia
Situazione allarmante

Mancano i giovani: artigiani in via d'estinzione a Rovigo e Venezia

A fotografare lo stato di salute delle imprese artigiane delle due province sono i dati del I trimestre 2021 elaborati dalla Camera di Commercio di Venezia Rovigo raffrontati con quelli del I trimestre del 2011.

Mancano i giovani: artigiani in via d'estinzione a Rovigo e Venezia
Economia Rovigo, 06 Luglio 2021 ore 12:19

Nei territori di Venezia e Rovigo le imprese artigiane diminuiscono e la classe imprenditoriale invecchia. Il mestiere dell’artigiano rischia di attrarre sempre meno giovani: in dieci anni, nell’area veneziana si sono perse 232 imprese artigiane individuali di under 30, diminuite del 30% rispetto al 2011, mentre sono cresciute del 32,6% le ditte individuali guidate dagli over 70. Trend negativo anche per il territorio polesano, dove la perdita di imprese giovanili si attesta a 163 unità, con una diminuzione percentuale del 55,4%. Le imprese con titolari over 70 subiscono invece un incremento decennale del 26,5%.

Mancano i giovani: artigiani in via d'estinzione a Venezia e Rovigo

A fotografare lo stato di salute delle imprese artigiane delle due province sono i dati del I trimestre 2021 elaborati dalla Camera di Commercio di Venezia Rovigo raffrontati con quelli del I trimestre del 2011.

“La difficoltà di ricambio generazionale sta mettendo a dura prova il futuro dell’imprenditoria artigiana veneziana e rodigina - commenta Massimo Zanon, presidente Camera di Commercio di Venezia Rovigo - Negli ultimi dieci anni abbiamo assistito a un visto il calo complessivo di 3.620 unità (-12,9%) con un totale di 24.362 imprese artigiane presenti attualmente sui due territori. Il Covid-19 ha pesato ulteriormente su questa situazione, ma è impensabile che la nostra economia possa ripartire senza l’appoggio delle imprese artigiane simbolo della qualità e dell’eccellenza nella competizione con i mercati internazionali. Per questo è necessario sostenerle anche attraverso le risorse del Pnrr e guidarle verso investimenti in digitalizzazione e green per abbattere le distanze con le altre imprese.”

A registrare perdite maggiori sono in particolare le ditte individuali (-14,4%), che rappresentano oltre il 72,6% del comparto. I dati aggregati delle due aree appaiono comunque in linea con quanto registrato a livello regionale, dove le imprese artigiane attive diminuiscono di quasi 18 mila unità rispetto al primo trimestre 2011 (-12,7%) e con le imprese individuali che subiscono un calo del 14,1%.

L’impresa individuale resta la dimensione preferita dagli artigiani

Anche nell’era digitale, il profilo dell’impresa artigiana resta fortemente ancorato alla dimensione individuale. Alla fine di marzo di quest’anno il 72,6% di tutte le imprese artigiane attive a Venezia e Rovigo operava con la forma più semplice e meno strutturata, una percentuale del tutto in linea con quella rilevata dieci anni prima (73,9%) ed in linea con i dati registrati a livello Veneto.

Tra i settori, quello in cui questa forma giuridica ha un’incidenza più alta nella provincia di Venezia è quello dei Trasporti e magazzinaggio, in cui la quota di imprese individuali tocca l’85,4%. A seguire le Altre attività di servizi (82,2%) e Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese (82,1%). Nel rodigino le imprese individuali sono fortemente predominanti nei settori Altre attività di servizi (87,7%), Trasporto e magazzinaggio (83,8%) e Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese (82,2%).

Staffetta generazionale a rischio: meno di 1 giovane under 30 per ogni titolare over70

Analizzando il progressivo spostamento dell’età dei titolari di imprese artigiane emerge che se nel 2011, a Venezia, per ogni imprenditore over 70 c’erano 1,7 titolari d’impresa under 30 pronti a sostituirlo, nel 2021 questo “ricambio” tra generazioni è sceso a 0,9. Situazione ancor peggiore a Rovigo, dove è passato dal 2,2 registrato nel 2011 allo 0,8 del 2021.

La riduzione dei titolari under 30 tocca più da vicino gli uomini (-39,5% per Venezia e -58,3% per Rovigo nel periodo) che le donne (+21,7% per l’area veneziana e -47,4% per l’area polesana), mentre l’invecchiamento colpisce più le donne degli uomini a Venezia (+90% le over 70 artigiane contro il +25,6%) ed il contrario a Rovigo (+29% gli over 70 rispetto al +14,3%).