Cultura
Arte

L'estro di Kandinskij in mostra a Palazzo Roverella, un tour virtuale tra le opere del maestro russo

Seguiteci in questo "viaggio" alla scoperta delle opere dell'artista...

Cultura Rovigo, 25 Marzo 2022 ore 14:56

L'estro di Kandinskij in mostra a Palazzo Roverella, un tour virtuale tra le opere del maestro russo

Una mostra dedicata a uno dei massimi artisti mondiali del Novecento: Vasilij Kandinskij (1866-1944). Un’esposizione senza precedenti in Italia per numero e qualità delle opere presentate: ottanta capolavori del grande maestro russo, di datazione compresa fra il 1900 circa e il 1940, cui si aggiungono dipinti di suoi “compagni di strada”, come Gabriele Münter, Paul Klee, Arnold Schönberg, Alexej von Jawlensky, Marianne von Werefkin; e ancora libri in edizione originale, documenti, fotografie, rari filmati d’epoca, cimeli, oggetti d’arte popolare. Tutto questo per svelare l’enigma Kandinskij e seguire le orme del suo cammino creativo, nel rapporto costante con la dimensione musicale e le profonde radici della sua origine russa.

L'estro di Kandinskij in mostra a Palazzo Roverella, un tour virtuale tra le opere del maestro

Si chiama "Kandinskij. L'opera / 1900-1940" l'esposizione in corso a Rovigo, a Palazzo Roverella, fino al 26 giugno. Ed è qualcosa di davvero unico. La mostra è promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo in collaborazione con il Comune di Rovigo e l'Accademia dei Concordi. Tante le opere esposte riunite in dodici sezioni.

Non era facile raccogliere e mettere in mostra ben 80 opere dell'artista, oltre ovviamente a libri, documenti, foto e filmati, ma l'impresa è valsa la pena. Il percorso, infatti, racconta un Kandinskij unico. che racconta le varie fasi del maestro. Dall'arte popolare russa agli studi di pittura a Monaco, dalle xilografie ai viaggi in Europa, fino alle contaminazioni con altri artisti dell'epoca.

C'è poi tutto il tema della musica e della sua importanza nell'approdo all'astrattismo, quando il colore si libera dal disegno, dalla linea e perde la funzione rappresentativa. Grande rilievo, ovviamente, al "Cavaliere azzurro", il punto di svolta nel percorso dell'artista. Ma anche molto, molto altro...

Tutte le info

Seguici sui nostri canali