Cronaca
E' stato arrestato

Prendeva il reddito di cittadinanza ma era un ladro d'appartamenti "professionista"

Faceva parte di una banda che ha messo a segno una cinquantina di furti per un bottino totale superiore ai 100mila euro...

Prendeva il reddito di cittadinanza ma era un ladro d'appartamenti "professionista"
Cronaca Rovigo, 28 Gennaio 2022 ore 15:20

Nella mattinata odierna la Compagnia dei Carabinieri di Adria ha concluso un'attività d'indagine coordinata dall'autorità giudiziaria rodigina, denominata "Heat" che ha condotto alla disarticolazione di un sodalizio criminale composto da cittadini italiani di origine Rom dedita ai furti in abitazione.

Prendeva il reddito di cittadinanza ma era un ladro d'appartamenti "professionista"

L'operazione, svolta da 20 Carabinieri della Compagnia di Adria con il supporto di due squadre di intervento operativo del quarto battaglione Carabinieri "Veneto" di Mestre e del nucleo cinofili Carabinieri di Torreglia, in provincia di Padova, ha portato all'esecuzione di quattro misure cautelari nei confronti di altrettanti soggetti, 3 dei quali sono stati ristretti in carcere mentre uno è stato collocato agli arresti domiciliari, tutti di età compresa tra i 40 e 50 anni e legati da vincoli di parentela e residenti nel medesimo campo nomadi sito nel Basso Polesine, ritenuti autori di 44 furti consumati nelle province di Rovigo, Padova, Venezia e Ferrara, con un bottino complessivo stimato di circa 100mila euro.

Sono state inoltre deferite in stato di libertà altre 8 persone di cui una per ricettazione. Il modus operandi era caratterizzato da diversi sopralluoghi degli obiettivi individuati, durante i quali si studiavano le abitudini delle vittime per poi perpetrare i furti durante la loro assenza previa effrazione di porte o finestre. Ogni membro della banda rivestiva un compito specifico, dal palo a quello che doveva eventualmente intrattenere la vittima con delle scuse per ritardarne il rientro a casa mentre i complici portavano a termine il compito.

La svolta nelle indagini arrivava nel mese di agosto quando i militari sono riusciti a risalire ad un'autovettura notata nei pressi di un'abitazione all'interno della quale era stato perpetrato un furto, veicolo poi risultato nella disponibilità di soggetti residenti all'interno del predetto campo nomadi. Uno degli arrestati risulta percettore del reddito di cittadinanza, nei confronti del medesimo saranno avviate le procedure di revoca del beneficio da parte dell'Inps.

4 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter