I numeri dell'Ulss 5

Nuovo giorno a contagio 0 in Polesine e guarisce un operatore sanitario

Nelle strutture residenziali extra ospedaliere si segnala un solo caso residuo.

Nuovo giorno a contagio 0 in Polesine e guarisce un operatore sanitario
Rovigo, 26 Giugno 2020 ore 10:56

0 nuova positività di residenti in Polesine (sono in totale 451 i residenti in Polesine con positività al COVID-19 riscontrati da inizio epidemia).

Continuano i dati positivi in Polesine

Nuovo giorno a contagio zero per l’Ulss 5 Polesana giovedì 25 giugno e si segnala la guarigione di un operatore dell’Azienda ULSS 5. “Se continuiamo ad usare tutte le precauzioni possiamo vincere la battaglia con il virus anche con una vita sociale e di relazioni normale. Il quadro è estremamente positivo, in particolare nel nostro territorio, ma dobbiamo rimanere responsabili nei nostri comportamenti – commenta il Direttore Generale Compostella – Molti degli ultimi casi emersi sono state individuati attraverso lo screening pre-operatorio. Lo screening, invece, delle categorie esposte al rischio non ha fatto emergere positività, segnale della scarsa circolazione del virus in questo periodo. Anche lo screening sierologico venoso, effettuato dal Ministero della Salute e ISTAT con l’aiuto di Croce Rossa Italiana, seppur con una bassa adesione, ha fatto emergere una scarsa circolazione del virus in Polesine anche nella fase acuta”.

Strutture extra ospedaliere e tamponi

Non si segnalano nuove positività o nuove guarigioni nelle strutture. Rimane 1 ospite della Struttura di Fratta Polesine ancora positivo; per tutte le altre Strutture non si segnalano positività né tra gli ospiti né tra gli operatori. I tamponi eseguiti da inizio epidemia, in Polesine, sono 43.449. Le persone sottoposte a tampone sono 21.192.

Oltre quota 400 i guariti

Sala a 408 il totale dei guariti in Polesine da inizio epidemia a seguito della guarigione di uno dei nostri operatori. I dipendenti di Azienda ULSS 5 attualmente positivi sono 3.

“Due giorni fa ho incontrato gli operatori balneari delle nostre coste che hanno fatto un egregio lavoro per avere alti livelli di sicurezza in tutte le strutture. Il rischio zero non esiste ma il lavoro svolto dagli operatori permette di poter vivere il mare in tranquillità nelle nostre spiagge – ha sottolineato il dr. Antonio Compostella, chiudendo – come Azienda stiamo mettendo in campo una serie di azioni per gestire il possibile ritorno del COVID-19 in autunno, in particolare con l’arrivo e la sovrapposizione dell’influenza stagionale.”

Ad oggi sono 74 le persone poste in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità