Cronaca
Guardia di Finanza

Isolotto "stupefacente" nel Parco del Delta del Po: tre aree erano state bonificate per coltivare marijuana

A seguito di un avvistamento dell’elicottero della Sezione Aerea delle Fiamme Gialle di Tessera, hanno individuato tre aree appositamente bonificate per la coltivazione, di più di settanta piante di cannabis...

Isolotto "stupefacente" nel Parco del Delta del Po: tre aree erano state bonificate per coltivare marijuana
Cronaca Adria e Delta del Po, 22 Agosto 2022 ore 11:51

I militari della Sezione Operativa Navale di Porto Levante della Guardia di Finanza, reparto alle dipendenze della Stazione Navale di Venezia, a seguito di un avvistamento dell’elicottero della Sezione Aerea delle Fiamme Gialle di Tessera, hanno eseguito un sopralluogo su un isolotto, creatosi artificialmente all’interno dell’alveo del Fiume Po, in una località limitrofa al Comune di Porto Viro.

Isolotto "stupefacente" nel Parco del Delta del Po

I militari operanti tramite i mezzi navali in dotazione, costituenti il dispositivo navale regionale veneto, idonei anche alla navigazione fluviale ed in bassi fondali, una volta sbarcati sull’isolotto hanno iniziato una perlustrazione dell’intera area, riuscendo, nonostante le difficoltà riconducibili alla presenza di una folta ed intricata vegetazione, ad individuare tre aree appositamente bonificate per la coltivazione, come risultato all’esito delle competenti analisi di laboratorio, di più di settanta piante di cannabis.

Tre aree erano state bonificate per coltivare marijuana

Lo stupefacente veniva, su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica di Rovigo, estirpato al fine di evitare che lo stesso potesse essere inserito nei circuiti illegali di spaccio e commercializzazione. La siffatta attività è frutto della trasversalità dell’azione del Guardia di Finanza impreziosita dalle potenzialità operative offerte dalle tecnologie e dotazioni installate sui mezzi navali ed aerei che operano, in maniera sinergica, per la tutela degli interessi economico finanziari della collettività.

Seguici sui nostri canali