Cronaca
La storia a lieto fine

Il bimbo ha fretta di nascere: mamma partorisce in mezzo alla strada

La donna stava guidando l'auto quando si sono rotte le acque... il figlio è nato prima dell'arrivo dei sanitari

Il bimbo ha fretta di nascere: mamma partorisce in mezzo alla strada
Cronaca Rovigo, 12 Aprile 2022 ore 09:26

Prima le doglie, fortissime, poi si sono rotte le acque e infine il parto. E' successo tutto in pochi minuti ieri lunedì 11 aprile 2022, in mezzo alla strada: una mamma ha partorito nella sua automobile prima dell'arrivo dei soccorritori...

Il bimbo ha fretta di nascere: mamma partorisce in mezzo alla strada

Si sono rotte le acque all'improvviso mentre la mamma stava guidando l'automobile, in mezzo alla strada. E' successo ieri mattina, l'undici aprile 2022 in provincia di Rovigo a Giacciano con Barucchella nell'alto Polesine. La donna era al volante della sua auto quando è stata colta dalle doglie. E per fortuna un passante si è accorto della situazione d'emergenza. La chiamata ai soccorritori è partita da lui. Ma il personale del Suem di Trecenta, quando è arrivato sul posto, con grande stupore, si è accorto che la mamma, bravissima e coraggiosa, aveva fatto tutto da sola. Il bimbo era già nato. Per fortuna non c'è stata alcuna complicazione ed entrambi stanno bene. Ora il bimbo con la sua mamma si trovano in ospedale per tutte le visite e le cure del caso.

Un caso simile in provincia di Verona

Ha colto di sorpresa mamma e papà il piccolo che ieri, lunedì 11 aprile 2022, come riporta Prima Verona, ha deciso di nascere frettolosamente. I futuri genitori erano partiti da Velo Veronese e le contrazioni erano già iniziate mentre papà guidava l’auto per portare la futura mamma all’ospedale.

Ma non è riuscito ad arrivare in tempo fino all’ospedale perché il bambino ha deciso di nascere subito, in auto. L’uomo alle 18.30 ha chiamato i soccorsi e mentre sul posto stavano arrivando l’ambulanza infermierizzata e l’elicottero, la donna ha partorito assistita dal compagno guidata passo passo al telefono dall’operatore della centrale del Suem 118.

Seguici sui nostri canali