Cronaca
E' ufficiale

I Ris di Parma confermano: è Andrea Girardi l'uomo trovato morto nei boschi della val di Fiemme

I test del Dna non lasciano dubbi. Il 44enne era stato riconosciuto da alcuni amici grazie ai tatuaggi sulle braccia.

I Ris di Parma confermano: è Andrea Girardi l'uomo trovato morto nei boschi della val di Fiemme
Cronaca Rovigo, 02 Giugno 2022 ore 09:05

Ora c'è la conferma ufficiale: il corpo trovato senza vita nei boschi della val di Fiemme il 2 maggio scorso è di Andrea Girardi, il polesano 44enne originario di Villadose che aveva fatto perdere le tracce già da tempo.

I Ris di Parma confermano: è Andrea Girardi l'uomo trovato morto nei boschi della val di Fiemme

Ora la notizia è stata confermata dal reparto investigazioni scientifiche dei Carabinieri di Parma, i Ris, grazie alla comparazione del Dna. Quindi non ci sono più dubbi. Almeno per quanto riguarda l'identità. Perché di ombre ne restano eccome. A partire dal motivo che abbia spinto il 44enne a lasciarsi morire così, in modo doloroso, di stenti, guardando in faccia la morte per giorni. E poi restano anche i silenzi della famiglia se si esclude una dichiarazione del fratello residente a Londra.

Un uomo, mille vite

Di certo Andrea Girardi non ha mai considerato la vita come qualcosa di banale e scontato. Nei suoi 44 anni di vita, infatti, di esistenze ne ha sperimentate tante. Tutte molto diverse tra loro. Poco più che 20enne si era arruolato con la Legione straniera in Francia, ha partecipato a missioni speciali in mezzo mondo, poi, il colpo di scena: Girardi diventa chief di dolci in Germania. Nel rodigino si occupava dei genitori proteggendoli con affetto e aveva proseguito il mestiere del papà, quello di imbianchino. Poi la scorsa estate aveva deciso di partire. Senza lasciare alcun messaggio. E nessuno si era stupito... Era solito comportarsi così.

Ma se chi lo conosce bene assicura che dietro al tragico gesto non ci siano motivazioni legate al denaro o all'amore, allora cosa ha spinto il 44enne a togliersi la vita? Di sicuro qualche ragione che non ha voluto condividere con nessuno. Un segreto, insomma, che lo ha portato a iniziare un fatale digiuno...

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter