Il caso

Confessione shock di Tagliariol: “A Wuhan già con sintomi ad ottobre”

Le parole dello schermidore trevigiano, che ha ventilato la possibilità di un suo contagio già ad ottobre

Confessione shock di Tagliariol: “A Wuhan già con sintomi ad ottobre”
Rovigo, 08 Maggio 2020 ore 09:37

Le frasi dello schermidore trevigiano stanno facendo discutere.

Il caso

Dichiarazioni che, al netto delle varie smentite già arrivate nelle scorse ore da parte di importanti infettivologi, stanno facendo discutere e rinfocolando polemiche e sospetti sulla natura del Coronavirus o quantomeno sulla reale tempistica della sua nascita e diffusione. Sono quelle rilasciate dal campione di scherma Matteo Tagliarioltrevigiano, che lo scorso ottobre si trovava proprio a Wuhan per disputare i mondiali militari.

Le frasi shock

“Ho avuto febbre e tosse per circa 3 settimane – ha confidato lo spadista azzurro -e gli antibiotici non hanno fatto niente. Poi è toccato a mio figlio e alla mia compagna. Non sono un medico, ma i sintomi sembrano proprio quelli del covid-19“.

O meglio di quello che di lì a poche settimane sarebbe stato conosciuto dal mondo intero come Covid-19.

Ci siamo ammalati tutti, 6 su 6 nell’appartamento e moltissimi anche di altre delegazioni. Tanto che al presidio medico avevano quasi finito le scorte di medicine”, ha sottolineato l’atleta azzurro.

Segno che il virus in Cina era già presente e diffuso ad ottobre? I sintomi segnalati dallo schermidore trevigiano, in effetti, sembrano proprio quelli del famigerato Coronavirus: febbre alta e disturbi polmonari.

La replica degli infettivologi

Ipotesi tuttavia smentite dal alcuni importanti infettivologi tra cui Massimo Galli del Sacco di Milano, che interrogato sull’argomento in tv ha ribattuto:

“Contagio? Non è credibile. Se questo virus fosse arrivato prima, avremmo avuto un’esplosione  epidemica assai prima anche da noi – sottolinea – In poco tempo questo virus, camminando sotto traccia, ha fatto migliaia di casi in Italia e li ha fatti nelle prime settimane di febbraio e non prima”.

“Se fosse arrivato prima e i casi che vengono continuamente  denunciati, più o meno come gossip, fossero stati sostenuti da un  virus come questo, avremmo avuto l’epidemia mesi o settimane prima con l’entità che abbiamo visto”.

 

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE!

Iscriviti al nostro gruppo Facebook Rovigo e Provincia Eventi & News

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Prima Rovigo (clicca “Mi piace” o “Segui” e imposta le notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità