Attualità
Indignazione

Rovigo, primato negativo in Veneto per la più bassa quantità di metri quadri di aree pedonali

Il centro storico di Rovigo è liberamente accessibile alla sosta ma anche al transito da parte di chiunque sia in possesso del permesso (ZTL).

Rovigo, primato negativo in Veneto per la più bassa quantità di metri quadri di aree pedonali
Attualità Rovigo, 04 Maggio 2021 ore 09:59

Il Codice Della Strada all'Articolo 3.1(2) definisce come “Area pedonale: zona interdetta alla circolazione dei veicoli, salvo quelli in servizio di emergenza, i velocipedi e i veicoli al servizio di persone con limitate o impedite capacità motorie (…)”. Le aree pedonali però, a Rovigo, sono quasi un miraggio.

Rovigo, primato negativo in Veneto

Il centro storico di Rovigo è liberamente accessibile alla sosta ma anche al transito da parte di chiunque sia in possesso del permesso (ZTL), solamente in due strade è stata istituita l'area pedonale. A sollevare la questione è la FIAB Rovigo che puntualizza:

"Poco importa se ci troviamo in zone di pregio architettonico, con musei, teatri o ristoranti o semplicemente con una forte presenza di pedoni e ciclisti. Eppure basta guardarsi attorno e scoprire che in tante altre città d’Italia non è così. E non dobbiamo andare lontano per trovare esempi opposti".

I dati regionali

Se si analizzano i dati forniti dalla Regione del Veneto che sono stati elaborati dalle indagini ISTAT del 2019, è palese come Rovigo svetti per essere il capoluogo regionale con la più bassa quantità di metri quadri di aree pedonali ogni 100 abitanti.

Osservando il grafico, infatti, Rovigo ha solamente 2,3 metri quadrati di aree pedonali per 100 abitanti, contro i 17,1 metri quadrati di Verona, passando poi ai 21,6 metri quadrati di Vicenza, ai 22,8 metri quadrati di Treviso, i 32,5 metri quadrati di Belluno, passando poi agli 85,6 metri quadrati di Padova e infine gli inarrivabili 501 metri quadrati di Venezia.

Indgnazione per la "sosta selvaggia"

FIAB Rovigo puntualizza:

"Eppure il desiderio rodigino di aree di questo tipo è stato ben espresso dall’indignazione per la 'sosta selvaggia' nella secondaria piazza Merlin senza rendersi conto che in realtà tutte le altre zone del centro storico soffrono il medesimo problema. Ora si è pensato di estendere (finalmente) il divieto di sosta a via X luglio e via Cavour ma non definendolo esplicitamente l’area pedonale. Ricordiamo, per essere precisi, che piazza Merlin non è tecnicamente un’area pedonale la segnaletica verticale interdice solamente la sosta. Allora ecco che emerge il consueto mantra rodigino: non ci sono abbastanza parcheggi, bisogna creare nuovi parcheggi.
Dove sta il nesso tra la tutela del centro storico e la necessità di parcheggiarvi dentro? Sulla base di quale principio dobbiamo sacrificare alla sosta le zone più belle della città? Dove nasce questo fantomatico e inviolabile diritto al parcheggio in centro storico?"

Estendere l’area pedonale a tutto il centro

FIAB Rovigo quindi spiega:

"Come FIAB chiediamo di estendere l’area pedonale a tutto il centro città da via Angeli a via Cavour e da via X Luglio a Piazza Garibaldi. Riteniamo veramente che il nostro centro storico meriti di essere poco più di un mero parcheggio? Senza auto non sarebbe più facile garantire il distanziamento sociale delle persone a passeggio? Non si darebbe più spazio alla visibilità delle vetrine e ai plateatici e quindi si aiuterebbe il commercio? Non si potrebbe installare qualche rastrelliera in più e aumentare così gli spazi per una sosta ordinata (e più sicura) delle bici? A queste nostre domande ci sarà la medesima indignazione popolare che è esplosa per piazza Merlin?
Una volta tanto, non potremmo diventare un esempio positivo per le altre cittadine polesane che soffrono il medesimo problema nei loro centri storici?"