Attualità
Gli incontri

Il futuro del mondo infermieristico, Denis Piombo (Opi): "Non solo numeri, serve anche qualità"

Due giornate dedicate ai laureandi di Rovigo e Adria...

Il futuro del mondo infermieristico, Denis Piombo (Opi): "Non solo numeri, serve anche qualità"
Attualità Rovigo, 22 Settembre 2022 ore 11:11

La scorsa settimana l’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Rovigo ha incontrato i laureandi in infermieristica delle sedi didattiche site nella provincia di Rovigo, ossia quella dell’Università degli Studi di Ferrara ad Adria e quella dell’Università degli Studi di Padova a Rovigo.

Il futuro del mondo infermieristico, Denis Piombo (Opi): "Non solo numeri, serve anche qualità"

Gli appuntamenti sono stati due, il primo si è svolto martedì 13 presso la Cittadella Socio-Sanitaria con gli studenti del terzo anno del corso di laurea di Rovigo, mentre il secondo venerdì 16 presso l’Ospedale Civile di Adria con gli studenti dell’ultimo anno del corso triennale.

Entrambe le giornate sono state aperte dai saluti istituzionali dell’Azienda ULSS5 Polesana, per la quale erano presenti il direttore sanitario, Alberto Rigo, e il direttore delle professioni sanitarie, Marco Tempesta. A fare gli onori di casa le direttrici dei corsi di laurea in infermieristica di Adria e Rovigo, rispettivamente Erica Girotto ed Elisabetta Spigolon. La parte conclusiva degli incontri, invece, è stata affidata all’OPI, rappresentato dal presidente Denis Piombo e dalla segretaria Marta Zanin.

“L’università – afferma Piombo, presidente OPI – per sua natura genera una conoscenza che trasforma le persone. L’infermieristica è conoscenza, è sapere, è una professione intellettuale. In questo momento storico per la sanità c’è estremo bisogno di infermieri ma non basta investire sui numeri. Bisogna investire sulla qualità e sulla valorizzazione. Un sentito ringraziamento alle responsabili dei corsi di laurea in infermieristica per la realizzazione di queste due giornate”.

“Incontrare gli studenti – dichiara Zanin, segretaria OPI – è stato stimolante e ha confermato la necessità di consolidare il proficuo dialogo tra Ordine e Università per formare professionisti competenti. Grazie a chi accompagna con la propria professionalità e la propria umanità le persone che un domani saranno professionisti, risorse per il sistema salute e per la cittadinanza”.

L’Ordine ha illustrato agli studenti il ruolo, le funzioni e le attività dell’Ente, spiegando le modalità di iscrizione all’Albo professionale, requisito necessario per esercitare la professione di infermiere, trasmettendo al contempo il senso di appartenenza e di vicinanza a chi fra poco si affaccerà al mondo del lavoro.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter