dotazione importante

Pneumatici invernali e sicurezza

Forniscono prestazioni superiori in termini di aderenza, motricità e frenata nelle condizioni critiche

Pneumatici invernali e sicurezza
09 Ottobre 2020 ore 16:53

Gli pneumatici invernali spesso sono sinonimo di sicurezza. Il fatidico 15 novembre si inizia ad intravedere all’orizzonte. E’ il giorno in cui scatterà, come ormai è consuetudine, l’obbligo di circolazione con pneumatici invernali (o catene a bordo). E che rimarrà in vigore fino al prossimo 15 aprile. Si tratta dei sei mesi più freddi dell’anno, da vivere in piena sicurezza quando si è al volante. Proprio per questo il consiglio è quello di dotarsi di «gomme da neve», per affrontare nel modo migliore il periodo caratterizzato dalla basse temperature.

Pneumatici invernali e sicurezza

Dato che ci separa poco più di un mese dal 15 novembre, abbiamo tempo a disposizione per valutare la nostra scelta. Se si è sprovvisti di pneumatici invernali ci troviamo nel momento giusto per procurarsene un treno. Montare questo tipo di pneumatici consente la mobilità in sicurezza, senza doversi dotare di dispositivi supplementari di aderenza. E’ bene sapere infatti che gli pneumatici invernali di ultima generazione, specialmente quelli che riportano il pittogramma alpino, forniscono prestazioni superiori in termini di aderenza, motricità, frenata nelle condizioni critiche. E inoltre mantengono anche buone prestazioni su strada asciutta. Si riconoscono a vista da quelli tradizionali. Gli invernali hanno tasselli con lamelle per migliorare l’aderenza e intrappolare la neve, mentre i «normali» hanno i tasselli pieni.

Lo spazio di frenata

La questione dell’utilizzo di un treno di pneumatici invernali o meno è piuttosto semplice: in inverno le strade sono meno sicure perché spesso bagnate, brinate, ghiacciate o innevate e di conseguenza i livello di aderenza degli pneumatici al fondo stradale è inferiore. Per comprendere il concetto è sufficiente confrontare lo spazio di frenata. In caso di fondo stradale innevato, con temperatura vicino a 0° e una velocità di 40 km/h lo spazio di frenata si riduce fino al 50% con uno pneumatico invernale rispetto ad uno normale. Invece, in caso di fondo stradale bagnato, temperatura minore di 7° e velocità di 90 km/h lo spazio di frenata si riduce fino al 15% in favore delle gomme invernali.

La marcatura M+S

Infine una nota relativa alla terminologia: gli pneumatici invernali sono comunemente chiamati anche «pneumatici da neve» e «pneumatici termici». Si tratta di modi differenti per definire lo stesso concetto. Questi sono distinguibili dalla marcatura M+S presente sul fianco del pneumatico e dall’eventuale pittogramma alpino. Quest’ultima è una montagna con tre picchi e un fiocco di neve al suo interno: attesta il superamento di uno specifico test di omologazione su neve.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità