Politica
Gli aggiornamenti

Covid, Zaia: "Immunità di gregge raggiunta, basta stato d'emergenza" | +14.190 positivi | Dati 2 febbraio 2022

E sulle scuole il Governatore aggiunge: "Serve il modello morbillo, basta discriminare tra vaccinati e non".

Politica 02 Febbraio 2022 ore 14:17

Torna il punto stampa da Marghera del presidente Zaia. Aggiornamento Covid e commenti sulla rielezione di Mattarella.

Bollettino aggiornato

+14.190 positivi (incidenza 9,98% sui tamponi effettuati), ricoverati totali 1.972 (-37), di cui 1.808 (-35) in area non critica e 168 (-2) in terapia intensiva, decessi +30. Sono state 25.063 le vaccinazioni somministrate nelle ultime 24 ore in Veneto.

Rt a 1, mentre il tasso di occupazione dell'area medica è al 26% (in calo) e quello delle terapie intensive è a 17. Infine l'incidenza è di 2.125 positivi su 100mila abitanti.

"Abbiamo delle proiezioni in calo, specie sulle terapie intensive - ha esordito il Governatore - Siamo di fronte a una mole di positivi importante, ma ormai c'è una maggiore 'familiarità' con il virus. Mi sento di ribadire che è cambiato lo scenario, per cui bisogna cambiare la strategia".

"Io sono convinto che noi dovremo concentrarci sempre di più sui sintomatici, abbandonando la rincorsa con il contact tracing a tutti i cittadini. In sostanza ormai abbiamo raggiunto l'immunità di gregge".

E sulla scuola?

"Serve il 'modello morbillo' di quando eravamo piccoli noi - ha ribadito Zaia - Abbiamo avuto una finta riapertura, a causa dell'elevato numero di contagi. Sarebbe stato meglio riaprire ieri, 1 febbraio, come avevo suggerito io. Dobbiamo chiedere ora che le scuole restino libere".

E non solo: "Se continua così al 31 marzo bisogna anche eliminare lo stato d'emergenza, ormai il virus è endemico". Infine sui vaccini, Zaia ha mostrato una certa prudenza sull'ipotesi di vaccinare i bambini sotto i 5 anni: "Secondo me a questo punto potremmo evitarlo".

I report su contagi, ricoveri e vaccini

6 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter